Home Nuove TecnologieNews

I solai collaboranti nella progettazione antisismica

In questo documento si esamina il solaio come elemento strutturale non solo per quanto riguarda le sue funzioni normali, cioè quelle che deve assolvere quotidianamente, ma soprattutto per quelle che è chiamato ad assolvere in circostanze eccezionali, quali ad esempio un sisma.
In particolare si evidenziano due caratteristiche che il solaio dovrà avere per essere integrato in un edificio costruito con criteri antisismici: il comportamento rigido del solaio (RIGIDEZZA DI PIANO) e il collegamento con le strutture verticali (CONTINUITA’ STRUTTURALE).
La presenza di entrambi questi fattori permette all’edificio di avere un requisito importante ai fi-ni antisismici dell’edificio, ovvero il cosiddetto COMPORTAMENTO SCATOLARE.
Nel documento vengono presentate svariate tecniche di intervento sui solai esistenti o di realiz-zazione di solai nuovi e per ognuna viene valutata l’efficacia della soluzione in rapporto alle due caratteristiche.
In particolare la tecnica del solaio collaborante, cioè l’unione di travi in legno, acciaio o calce-struzzo con una soletta in calcestruzzo armata a mezzo di appositi connettori, è uno dei sistemi che permette la realizzazione di questi requisiti.

Pubbl. il 25 novembre 2014 ore 05:23

Il presente documento intende essere una delle fonti di informazioni che permettono al progettista di farsi una idea personale delle scelte da fare caso per caso, in base alle esigenze specifiche che riscontrerà nel fabbricato sui cui deve intervenire.
Le indicazioni progettuali e le valutazioni sui vari possibili interventi riportate nel seguito del presente documento rappresentano le opinioni personali dello scrivente e non sono da intendersi come indicazioni progettuali esaustive per realizzare tutti gli interventi di rinforzo sismico o statico.
Tali informazioni sono, in ogni caso, corredate da motivazioni specifiche illustrate caso per caso.
Esse rappresentano la sintesi di anni di scambio di opinioni tra l’Ufficio Tecnico di Tecnaria ed i professionisti di tutta Italia che si sono confrontati al fine di reperire modalità di intervento che fossero al contempo corrette teoricamente e applicabili praticamente.
 


Articolo letto 893 volte

COME ASSOCIARSI

Associazione ISI
Ingegneria Sismica Italiana

Sede legale e operativa

via del Colosseo n. 62
00184 Roma (RM)

Contatti

segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it

ingegneriasismicaitaliana@pec.it

(+39) 331 2696084

Be social

© 2024 ISI Ingegneria Sismica Italiana. All Rights Reserved . Partita iva: 02562780029 . Codice Fiscale: 96063240186 . Privacy & Cookie Policy