ASSOCIAZIONE ISI
Ingegneria Sismica Italiana


Strada Statale Valsesia, 20 - 13035 Lenta (VC)
Tel. (+39) 331 2696084
ingegneriasismicaitaliana@pec.it
www.ingegneriasismicaitaliana.com

Utenti online: 7
Utenti iscritti: 1591

L'Esperto Risponde

Domanda: Sopraelevazione di edifici esistenti in muratura con struttura a pareti in legno

Buongiorno, come modellare un edificio esistente in muratura portante con una struttura a pareti in legno (tipo xlam)? L'analisi 'base' è certamente, direi, lineare elastica, magari in prima battuta statica (semplice e controllabile) poi multimediale. Ma è noto che, per strutture in muratura, l'analisi elastica è decisamente conservativa, sarebbe opportuno svolgere un'analisi non lineare (statica, pushover). Ma come modellare la soprastante struttura in legno, in campo non lineare, essendo quest'ultimo un materiale elasto-fragile? Occorre rinunciare alla non lineare accettando di fatto di non poter sfruttare appieno la capacità della struttura in muratura, oppure... Qual'è la strada? Cordialmente


Utente: olrac

Inserita il 21 Settembre 2013


RISPOSTA

Una struttura con una base in muratura ed una successiva sopraelevazione in legno è evidentemente una struttura irregolare in elevazione. Per le strutture irregolari non è possibile applicare l'analisi di pushover classica (metodo N2) suggerita dalle normative tecniche. Oltre che vi sarebbero delle forti incertezze e grandi approssimazioni nella valutazione del comportamento non lineare sia della struttura in muratura che della struttura in Xlam.
 
Pertanto l'analisi dinamica elastica con spettro di risposta ridotto attraverso il fattore di struttura q è l'unico metodo di analisi consigliabile e praticamente utilizzabile in questo caso. Il fattore di struttura sarà da scegliersi come il minore fra quello della struttura in muratura e quello della struttura in legno. Quindi nel caso specifico sarà probabilmente quello della struttura in Xlam ridotto per effetto della irregolarità in altezza:
 
               q = 2 x 0.8 = 1.6
 
Valore che si presta bene anche per l'analisi dell'edificio in muratura esistente, del quale non si abbiamo sufficienti informazioni sui materiali utilizzati e sui dettagli costruttivi.
 
Per la porzione in Xlam si presti molta attenzione a modellare la struttura correttamente, con le corrette caratteristiche elastiche medie delle connessioni fra pannelli/pannelli e pannelli/solai e pannelli/murature. Infatti sono tali connessioni che conferiscono la maggior parte della deformabilità della struttura e quindi condizionano i modi di vibrare e la distribuzione delle forze sismiche. 
 
Cordiali saluti.
Ing. Roberto Scotta

- 03 Ottobre 2013









Dai la tua opinione
Per commentare la comanda è necessario essere loggati a ISI.com. Fai log in o, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati qui

RASSEGNA STAMPA

realizzata in collaborazione con Ingenio

L' esperto risponde

La sezione l'Esperto Risponde di ISI nasce con lo scopo di consentire ai propri soci di comunicare con gli esperti del settore. Il Comitato Scientifico ISI sarà a disposizione per rispondere ad alcune delle vostre domande.....