ASSOCIAZIONE ISI
Ingegneria Sismica Italiana


Strada Statale Valsesia, 20 - 13035 Lenta (VC)
Tel. (+39) 331 2696084
ingegneriasismicaitaliana@pec.it
www.ingegneriasismicaitaliana.com

Utenti online: 6
Utenti iscritti: 1591

L'Esperto Risponde

Domanda: adeguamento sismico capannone prefabbricato zona 3S - modellazione

Buongiorno, sto valutando l'adeguamento sismico di una struttura prefabbricata mediante inserimento di elementi dissipativi posizionati tra gli elementi principali (trave-pilastro / tegolo-trave). Ho scelto di eseguire analisi lineare dinamica, considerando fattore di struttura q=1,5 essendo gli elementi in semplice appoggio. Le NTC prevedono di linearizzare il comportamento dei dispositivi dissipativi considerando la loro rigidezza secante, quindi ho modellato i dispositivi come aste assegnandogli un materiale con modulo elastico ricavato dalla rigidezza secante e smorzamento fornito dal produttore. A questo punto il dubbio che mi sorge è: ripeto l'analisi dinamica lineare con che fattore di struttura? Questo immagino che dovrà essere più elevato di 1,5 per tenere conto del lavoro fatto dai dispositivi dissipativi. Ringraziando per disponibilità, porgo cordiali saluti


Utente: Sarah

Inserita il 01 Agosto 2017


RISPOSTA

Salve,
 
in teoria e' possibile tener conto dello smorazamento aggiuntivo fornito dal dispositivo dissipativo in un'analisi dinamica lineare riducendo lo spettro elastico mediante il fattore h ("eta" ) di Eqn. (3.2.6) delle NTC. Tuttavia bisogna fare particolare attenzione nella scelta del valore del coefficiente di smorzamento viscoso csi per il suo sistema. In generale, questo non coincide con lo smorzamento equivalente del dissipatore. Alcune indicazioni sulla determinazione dello smorzamento modale equivalente e sull'analisi che intende condurre sono fornite al paragrafo C7A.10.5.2.1 della Circolare. Alcuni programmi agli elementi finite come SAP2000 sono in grado di stimare il coefficient di smorzamento per i vari modi a partire dal coefficiente di viscosita' e dalla rigidezza equivalenti del dissipatore. L'ordinata spettrale in corrispondenza dei diversi modi di vibrare del sistema viene poi ridotta in funzione di questi valori.
 
In ogni caso, un'analisi dinamica lineare e' sconsigliata nel caso di sistemi con dissipatori a comportamento non lineare. Pertanto consiglierei di eseguire un'analisi di integrazione al passo (dinamica non lineare) che senz'altro fornisce risultati piu' accurati. 
 
Distinti saluti,

Dott. Enrico Tubaldi - 03 Agosto 2017









Dai la tua opinione
Per commentare la comanda è necessario essere loggati a ISI.com. Fai log in o, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati qui

RASSEGNA STAMPA

realizzata in collaborazione con Ingenio

L' esperto risponde

La sezione l'Esperto Risponde di ISI nasce con lo scopo di consentire ai propri soci di comunicare con gli esperti del settore. Il Comitato Scientifico ISI sarà a disposizione per rispondere ad alcune delle vostre domande.....