ASSOCIAZIONE ISI
Ingegneria Sismica Italiana


Strada Statale Valsesia, 20 - 13035 Lenta (VC)
Tel. (+39) 331 2696084
ingegneriasismicaitaliana@pec.it
www.ingegneriasismicaitaliana.com

Utenti online: 3
Utenti iscritti: 1513

L'Esperto Risponde

Domanda: Consolidamento sismico di intero fabbricato in muratura

faccio parte di un condominio in cui si vorrebbe procedere a opere di consolidamento antisismico. Alcuni condomini temono interventi invasivi nei singoli appartamenti e sono quindi contrari. Sembra che le tecniche moderne consentano interventi confinati alla sola base del fabbricato con l’installazione di piattaforme dotate di ammortizzatori. Il quesito che l pongo è se queste tecniche sono applicabili ai fabbricati già esistenti, in particolare a fabbricati in muratura di tufo. Una risposta affermativa consentirebbe di fugare i timori e di ottenere le maggioranze necessarie per intraprendere il percorso di consolidamento. N.B:. Il fabbricato è formato da sei piani più il piano ammezzato e piano cantinati, ha struttura semi trapezoidale con corte centrale, è isolato dal contesto edilizio circostante e conta 58 appartamenti divisi su quattro scale. Il V e VI piano sono stati costruiti in momenti successivi. Il VI e ultimo piano, costruito negli anni ’50 del secolo scorso è realizzato con strutture portanti in cemento armato. Grazie, Guido Cella


Utente: guidocella

Inserita il 28 Aprile 2017


RISPOSTA

Buongiorno Sig. Cella,
purtroppo la domanda che lei pone non è di facile risposta. 
Partiamo dal presupposto che le moderne tecnologie consentono interventi (quasi) di ogni tipo e tra questi vi è anche la possibilità di operare con un isolamento alla base.
Purtroppo però, le tecnologie non sono applicabili in maniera estemporanea e non è possibile, senza un'approfondita diagnosi dell'edificio (mi raccomando, a cura di un tecnico esperto), sapere quale strada è la migliore da seguire in termini di costi e benefici; in questo caso tra i costi vanno inseriti ovviamente anche i disagi per i lavori da svolgere.
Le consiglio quindi in primis di contattare un bravo tecnico e far svolgere sul vostro edificio la valutazione di sicurezza, codificata per legge nel D.Min Infrastrutture 14/01/2008 al §8. Da lì poi potrete procedere con le ulteriori valutazioni.

Ing. Andrea Barocci - 07 Maggio 2017









Dai la tua opinione
Per commentare la comanda è necessario essere loggati a ISI.com. Fai log in o, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati qui

RASSEGNA STAMPA

realizzata in collaborazione con Ingenio

L' esperto risponde

La sezione l'Esperto Risponde di ISI nasce con lo scopo di consentire ai propri soci di comunicare con gli esperti del settore. Il Comitato Scientifico ISI sarà a disposizione per rispondere ad alcune delle vostre domande.....