ASSOCIAZIONE ISI
Ingegneria Sismica Italiana


Strada Statale Valsesia, 20 - 13035 Lenta (VC)
Tel. (+39) 331 2696084
ingegneriasismicaitaliana@pec.it
www.ingegneriasismicaitaliana.com

Utenti online: 6
Utenti iscritti: 1825

23 novembre 1980 - 2020: 40 anni dal terremoto dell'Irpinia

Novembre 23, 2020 - 09:58
[ITEM_TITLE]


A 40 anni dal terremoto dell’Irpinia del 1980, il ricordo di questo evento ci invita a trarre insegnamento dal passato e a investire sulla prevenzione sismica.


“Ad un tratto la verità brutale ristabilisce il rapporto tra me e la realtà. Quei nidi di vespe sfondati sono case, abitazioni, o meglio lo erano.” [ A. Moravia, Ho visto morire il Sud, l'Espresso, il 7 dicembre 1980]
 
Il 23 novembre 1980 un terremoto di magnitudo 6.9 colpì la zona denominata "Irpinia", tra la Campania centrale la Basilicata. Il bilancio fu di 2914 morti, 280 mila sfollati, 9 mila feriti. La scossa fu particolarmente lunga, circa 90 secondi (in realtà si trattò di due o tre scosse molto ravvicinate, originate dalla rottura progressiva di faglie diverse), e interessò un'area di 17 mila chilometri quadrati con 679 comuni. La frattura, originata dall'ipocentro a circa 30 chilometri di profondità, ha raggiunto la superficie generando una scarpata visibile per circa 35 chilometri.

Il patrimonio edilizio era estremamente povero e già fatiscente per i terremoti del 1930 e del 1962; furono rase al suolo 70 mila abitazioni e danneggiate gravemente altre 250 mila. Si generarono anche numerose frane, alcune imponenti che aggiunsero distruzione agli effetti della scossa.

L'entità del dramma iniziò a essere percepita solo dopo giorni, a causa anche dell'interruzione di qualsiasi tipo di comunicazioni. Subito dopo l'evento i primi telegiornali parlarono genericamente di una «scossa di terremoto in Campania»; solo la mattina del 24 novembre, tramite un elicottero, vennero rilevate le reali dimensioni del disastro. Uno dopo l'altro si aggiungevano i nomi dei comuni colpiti, che in totale saranno più di 500; interi nuclei urbani risultavano cancellati, decine e decine di altri erano stati duramente danneggiati.

La gestione dell’emergenza è fallimentare, sia nelle prime ore post sisma sia nella successiva fase della ricostruzione. I primi soccorsi sono caratterizzati dalla totale mancanza di coordinamento: volontari, strutture regionali e autonomie locali si mobilitano spontaneamente senza aver avuto indicazioni e precisi obiettivi operativi dal Ministero dell’Interno. Dopo il caos dei primi giorni, il Governo interviene nominando il Commissario straordinario Giuseppe Zamberletti, che riesce a riorganizzare i soccorsi e a dialogare con i sindaci.

Una considerazione che è giusto fare, a 40 anni da questo terribile evento che ha segnato la memoria collettiva. Quella zona è sismica come lo sono tante zone d'Italia, come lo è tutto il nostro paese, con livelli più o meno alti; negli ultimi 40 anni hanno continuato a esserci terremoti distruttivi con la stessa frequenza degli anni e secoli passati. Dal 1980 è progredita la Protezione Civile, la sismologia, la tecnologia; ma i nostri edifici rimangono per larga parte gli stessi, solo con l'aggiunta di ulteriori 40 anni di acciacchi. Scuole, case, ponti, municipi, uffici postali, ospedali: i muri che probabilmente vediamo e viviamo ogni giorno.

Solo con una feroce consapevolezza di questo, e delle lancette che si rincorrono inesorabili fino al prossimo terremoto, possiamo pensare di trarre insegnamento dal passato e cominciare a investire sulla prevenzione invece che spendere per rimediare al disastro.



 

RASSEGNA STAMPA

realizzata in collaborazione con Ingenio

L' esperto risponde

La sezione l'Esperto Risponde di ISI nasce con lo scopo di consentire ai propri associati di comunicare con gli esperti del settore. L' Associazione ISI sarà a disposizione per rispondere ad alcune delle vostre domande.....

Archivio Eventi